GalleryGroup

Il ruolo dell’Influencer nel percorso d’acquisto

Da un sondaggio realizzato dall’Osservatorio Influencer Marketing nel 2019 e condotto su di un  campione di circa 1000 utenti di piattaforme social è emerso chiaramente che i profili degli influencer (e delle persone molto famose) conquistano molti più follower che le pagine create ad hoc dalle aziende per promuovere proprie attività/prodotti. È stato rilevato che il 36% degli utenti segue le pagine dei brand mentre il 70% viene coinvolto dai post dei personaggi preferiti.

È interessante notare che sia per coloro che seguono le celebrity che per coloro che sono più interessati dalle pagine social di marchi famosi le categorie “merceologiche” più attenzionate sono praticamente le stesse. Il maggior interesse è legato alle tematiche relative all’abbigliamento, alla cucina e all’intrattenimento. A seguire le pagine di turismo spot, benessere, cosmetica.

Lusso e prodotti per l’infanzia sono categorie che generano un coinvolgimento minore.

Relativamente ad argomenti di cucina gli influencer generano molto più engagement: è il 2° argomento più trattato dagli influencer seguiti, rispetto alle pagine di marche del settore food, al 5° posto nella classifica delle categorie maggiormente seguite.


Quanto incide l’influencer marketing sulle scelte d’acquisto?

Il ruolo degli influencer è quello di instradare un percorso d’acquisto dei propri follower, stimolando in loro il desiderio di informarsi su un determinato prodotto o servizio. Il 62% del campione ha acquistato almeno un prodotto dopo averlo visto promosso da un influencer, ma tale acquisto non è avvenuto nell’immediato, tramite il link del post/story: la maggior parte degli acquirenti (74%) ha finalizzato la conversione qualche tempo dopo, su altri canali.

I siti di e-commerce come Amazon sono i canali privilegiati dagli utenti di tutte le età, tuttavia il focus sulla generazione Z rivela che il punto vendita fisico riveste ancora un buon appeal per molti giovani. L’influencer dunque è un’importante base di ispirazione in grado di costruire affinità e senso di appartenenza attorno ai valori del brand ma ha un’incidenza più ridotta rispetto all’attivazione diretta dell’acquisto.

Per sfruttarne tutto il potenziale, è necessario che diventi parte integrante di una campagna più articolata e utilizzarlo come vero e proprio punto di contatto, unitamente a quelli più tradizionali.

Infatti mentre il 39% dei followers chiede maggiori informazioni direttamente all’influencer (percentuale già molto elevata) il 70% si fa “ispirare” dagli stessi ma il 74% cerca poi informazioni anche altrove. È evidente come ogni punto di contatto giochi un ruolo ben preciso nel supportare la marca, infatti alcuni media assolvono a compiti più “informativi” (awerness e familiarity) mentre altri più esperienziali, come il punto vendita, hanno un importante ruolo nel guidare le valutazioni d’acquisto.

 


 

Per quanto gli influencer siano importanti in molte campagne di comunicazione e marketing, è necessaria una progettazione del piano editoriale multicanale, capace di integrare diversi strumenti, coerenti ma declinati nei diversi ambiti di applicazione. Per questo è necessario rivolgersi ad agenzie capaci di assolvere a 360° i processi di produzione dei contenuti e della loro implementazione e controllo. GGallery si distingue proprio perché al suo interno ha tutte le competenze, trasversali e tecnologiche, che utilizza per creare soluzioni all-in-one.
Per avere un progetto personalizzato e specifico, rivolgiti ai ns. marketing specialist come Alessia Luca e Roberto Stranieri:
alessia@ggallery.it e roberto.stranieri@ggallery.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *