GalleryGroup

Il podcast è un cavallo vincente

Se avete mai ascoltato un audiolibro, una trasmissione radiofonica o un TED talk su YouTube, sarà facile per voi immaginare cosa sia un podcast, se naturalmente non siete già degli appassionati di Spotify, Google podcast, Apple podcast o ITunes.

Il miglioramento delle infrastrutture degli ultimi anni, infatti, insieme alla facilissima riproducibilità di queste e altre app, free e paid, su computer, tablet, smartphones, home speakers e automobili, sta alla base dell’esplosione del fenomeno podcast, non più solo nicchia per nerd o fenomeno statunitense ma vera e propria nuova realtà italiana ed europea.

Il podcast, forte del rapporto intimo che riesce a creare con gli ascoltatori, sta diventando un nuovo mezzo espressivo e un potente strumento di marketing che, sempre più aziende ed enti, stanno implementando nelle loro strategie comunicative.

I numeri di crescita e di efficacia sono impressionanti e le potenzialità molteplici ed ancora inesplorate.
Stiamo parlando di circa 8 milioni e mezzo di individui (in costante crescita) che ascoltano podcast quotidianamente, una fascia di pubblico giovane e di livello socio-culturale elevato, generalmente disposta a spendere per servizi premium.

Si tratta di persone che riempiono le loro giornate di contenuti audio, sia nei momenti di relax, sia quando stanno svolgendo altre attività, sia nei tempi richiesti dagli spostamenti in auto, in bus o in treno.

L’ascolto medio di un episodio podcast si attesta intorno ai 20 minuti, periodo di tempo rimarchevole considerando che, secondo uno studio recente di Microsoft, l’attenzione media su internet ruota attorno agli 8 secondi.

Se poi ci concentriamo sul tasso di conversione, i numeri sono ancora più stupefacenti: sono infatti quasi 7 persone su 10 che ricordano di aver ascoltato un messaggio pubblicitario legato ad un podcast, mentre 5 persone su 10 ricordano di aver compiuto un’azione a seguito di un messaggio pubblicitario, dal cercare maggiori informazioni sul brand, a diffondere il contenuto fra amici e parenti, fino a comprare il prodotto o servizio.

Insomma, dalla comicità alla narrazione, dalla divulgazione all’informazione, dalla scienza all’arte, pare non ci sia nessun ambito che non possa trarre beneficio da questo nuovo media che, nel giro di pochi anni, a detta di tutti i migliori analisti, sarà sempre più importante e comune, quanto avere oggi un account Facebook o Instagram.

Sia i giovani che sperimentano nuovi linguaggi, sia grandi aziende farmaceutiche o automobilistiche, piccoli commercianti o artigiani,  enti culturali o istituzionali stanno sperimentando questo nuovo modo di comunicare che oggi sembra rappresentare davvero un cavallo vincente.


GGallery, avvalendosi di Simone Repetto, autore e produttore podcast (“Storie notturne per persone libere: rebrand.ly/SN ) e di una rete di professionisti di alto livello sta iniziando a proporre a clienti vecchi e nuovi questa possibilità innovativa.

Pensi che possa essere utile per la tua azienda e vorresti approfondire? Parliamone!